Renzo Sartori, breve biografia del manager della logistica

Renzo Sartori, coniugato e padre di due figli, è uno dei nomi più noti e attivi nel panorama logistico nazionale. Grazie alle imprese e ai progetti che Sartori ha contribuito a lanciare con la sua passione e le proprie competenze, l’impenditore ha contribuito ad apportare sensibili sviluppi nella logistica integrata, con importanti innovazioni che hanno apportato miglioramenti al panorama logistico del nord Italia, e non solo.

Tra i più importanti passaggi della propria vita professionale, Renzo Sartori segnala con evidente soddisfazione il 2001, anno nel quale viene nominato presidente dell’Ente Autonomo Magazzini Generali di Padova, società leader nella logistica distributiva, con la quale seguirà personalmente la creazione del meta distretto della logistica della Regione Veneto, e iniziando così il proprio percorso di sviluppo imprenditoriale, acquisendo quelle conoscenze che lo condurranno ben presto a maturare un approccio ampio e valido, in linea con la volontà di fornire adeguate risposte alle esigenze delle aziende della grande distribuzione organizzata.

Ulteriore passaggio fondamentale nella carriera professionale di Renzo Sartori è legato all’incontro con Gianpaolo Calanchi, con il quale l’imprenditore condividerà l’idea originaria del lancio di un nuovo progetto, rappresentato dalla creazione di un polo logistico integrato nazionale, gestito da un ente che potesse fornire servizi specializzati di gestione del magazzino, del trasporto, della distribuzione.

Con tale genesi, nasce il Consorzio Sincro (2008) e, a breve distanza, il gruppo Fisi (2011), in cui la stessa Sincro, e la Multiservizi, andranno a confluire.

Oggi, tra gli altri impegni, Renzo Sartori (qui il sito ufficiale) è presidente e amministratore unico del gruppo, ed è nel board dell’Osservatorio Contract Logistics del Politecnico di Milano. Tra i principali interessi personali, l’impegno nell’Associazione Santa Lucia di Padova, per cui collabora alla raccolta di contributi a sostegno di progetti caritativi verso i Paesi in via di sviluppo.